ABITO DA SPOSO, COME SCEGLIERLO

Anche se gli occhi saranno tutti puntati sulla sposa, e sul suo abito, non dimentichiamo che anche lo sposo è il protagonista della favola del matrimonio. Nella scelta dell’abito da sposo, affinché si crei una perfetta armonia sull’altare, è fondamentale prendere in considerazione l’abito della sposa e il tipo di cerimonia. Se la sposa indossa un abito elegante, lungo, con velo e strascico, e la cerimonia si svolge entro le 18.00 sarà di rigore il tight, l’abito da giorno per eccellenza, dove la giacca è a tinta unita in varie sfumature di grigio, a un solo bottone, e si allunga sul dietro formando la classica coda di rondine arrotondata.

L’immancabile gilet è in panno grigio perla e a cinque bottoni o doppiopetto; i pantaloni sono senza risvolto, dritti a sottilissime righe e senza passanti per la cintura. Niente papillon ma cravatta o plastron di seta grigio perla fissato da una spilla fermacravatta. La camicia è bianca con polsini fermati da gemelli. Il tutto va accompagnato da guanti e cilindro. La tradizione vuole che il tight sia indossato, nel caso in cui lo scelga lo sposo, anche dai genitori, dai fratelli e dai testimoni di entrambi gli sposi.

Se il tono della cerimonia è meno sfarzoso sarà consigliabile il mezzo tight, che è meno impegnativo, presenta una giacca senza code e permette di evitare guanti e cilindro.

Se la cerimonia è meno formale ma comunque elegante e si desidera un abbigliamento più disinvolto, via libera al classico abito a tre pezzi, privilegiando le tinte unite: blu notte o grigio fumo di Londra. No a disegni sportivi o spigati. Per quanto riguarda la camicia sarà rigorosamente bianca, normalmente con polsini doppi per i gemelli. Alla camicia bianca e all’abito scuro si abbina una cravatta chiara, nei toni dell’argento, del grigio, a tinta unita o motivi quasi impercettibili. Infine scarpe e cintura saranno rigorosamente dello stesso colore (preferibilmente nero). Una regola assoluta? No tassativo allo smoking: è un abito da sera non da cerimonia!

Pinterest
Pinterest
Pinterest
Pinterest
Martina Liana
Martina Liana
Pinterest
Pinterest

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo!

  • Facebook
  • Twitter
  • Pinterest

Commenta