Matrimonio e burocrazia: tutti i documenti necessari per sposarsi in Chiesa

Se volete che la celebrazione del vostro matrimonio avvenga con Rito Religioso, oltre ai certificati previsti per il Rito civile (Matrimonio e burocrazia: i documenti necessari per il rito civile ), dovrete procurarvi:

  • Certificato di Battesimo: da richiedere nella parrocchia in cui è avvenuto il battesimo.
  • Certificato di cresima: nel caso in cui sul certificato di battesimo sia menzionata anche la data della cresima non sarà necessario un ulteriore documento. Se non si è stati cresimati occorre ricevere il sacramento prima del matrimonio.
  • Certificato di stato libero ecclesiastico: è necessario  nel caso in cui uno degli sposi o ambedue, dopo il compimento del 16° anno di età, abbiano vissuto almeno un anno in una diocesi diversa da quella dell’attuale domicilio.
  • Attestato di frequenza al corso pre-matrimoniale: un attestato che viene consegnato ai futuri sposi al termine di una serie di incontri finalizzati alla preparazione al matrimonio che si tengono in ogni parrocchia.
  • Certificato contestuale (rilasciato dal comune di appartenenza, che comprende residenza, stato libero e cittadinanza)wedding-photos-in-church_13361_1351_800

I suddetti certificati andranno consegnati al parroco a partire dai sei mesi prima la data delle nozze al fine di iniziare l’iter burocratico necessario. Il Parroco vi porrà anche delle domande alle quali dovrete rispondere per iscritto: si tratta di dichiarazioni importanti per la Sacra Rota (soprattutto nei casi di annullamento del matrimonio) riguardanti il vostro credo nel Sacramento del matrimonio, i figli, il divorzio, ecc. Il parroco vi consegnerà quindi  il Certificato di Richiesta delle Pubblicazioni.

Le pubblicazioni religiose dovranno essere esposte per almeno otto giorni, comprendenti due domeniche,  presso la Parrocchia in cui saranno celebrate le nozze, presso la parrocchia dello sposo e quella della sposa.Per sposarsi in una chiesa diversa da quella di appartenenza  è necessario richiedere al Vicariato il nulla osta ecclesiastico.

Dopo la celebrazione del matrimonio, il Parroco compilerà l’atto di matrimonio in duplice originale ed entro i successivi 5 giorni ne trasmetterà una copia all’ufficiale di stato civile del comune in cui è avvenuto il matrimonio stesso. L’ufficiale trascriverà l’atto il giorno seguente e comunicherà l’avvenuto adempimento al parroco.

  • Facebook
  • Twitter
  • Pinterest

Commenta