Matrimonio religioso, attenti al galateo!

L’etichetta prevede per la celebrazione di un matrimonio religioso tutta una serie di regole che vanno seguite con attenzione.

Lo sposo: raggiungerà la chiesa  con un certo anticipo ed entrerà qualche minuto prima dell’ora prevista per la cerimonia, accompagnato dalla madre, alla quale offrirà il braccio destro. Con lui entreranno i testimoni: quelli di lei si disporranno alla sinistra dell’altare, quelli di lui alla destra. Infine la madre della sposa, accompagnata da un parente maschio, prenderà posto attendendo l’ingresso della figlia.

I testimoni: secondo la legge sono sufficienti due testimoni anche se è possibile averne fino a quattro per ciascuno sposo. I testimoni aiuteranno gli sposi nei preparativi, custodiranno gli anelli fino alla cerimonia si occuperanno dell’offerta da fare al sacerdote e ovviamente firmeranno l’atto di matrimonio.

Gli invitati: arriveranno in Chiesa in modo spontaneo. A loro è assolutamente vietato fare tardi (solo la sposa può arrivare in ritardo!). Tradizionalmente gli invitati della sposa si disporranno a sinistra,  quelli dello sposo a destra.

La sposa sarà accompagnata dal padre che l’aiuterà a scendere dall’auto,  arriverà con un leggero ritardo (non più di 10 minuti) in modo che tutto sia pronto ad accoglierla in Chiesa. I primi ad entrare, ove presenti, saranno i paggetti seguiti dalla sposa e dal padre che le porgerà il braccio sinistro, le damigelle seguiranno la sposa occupandosi del velo. L’abito dovrà essere decoroso e senza scollature eccessive.

All’altare, il padre della sposa affiderà la figlia al futuro genero, stringendogli la mano e sedendosi al primo banco a sinistra, insieme ai parenti più stretti. Nei banchi successivi prenderanno posto gli altri parenti e gli amici più intimi.

Rito del Matrimonio: il sacerdote benedirà le fedi nuziali. Al momento dello scambio degli anelli la sposa poserà il bouquet sull’inginocchiatoio e offrirà per prima la mano per lo scambio degli anelli. Gli sposi pronunceranno la fatidica frase: “Ricevi questo anello come segno del mio amore e della mia fedeltà…”. Successivamente il sacerdote intonerà una preghiera per la nuova famiglia appena formata e chiederà a tutti i presenti di salutarla e in segno di augurio di dedicare ai novelli sposi un applauso.

L’uscita: parenti e amici finita la cerimonia usciranno (silenziosamente!) mentre gli sposi e i testimoni si intratterranno per la firma del registro. Terminate queste formalità,  lo sposo offrirà il braccio destro alla sposa e insieme si incammineranno verso l’uscita dove troveranno ad attenderli tutti gli ospiti con il tradizionale lancio del riso.

3ee6fce73312a2ec2ae483f8dca0af25

  • Facebook
  • Twitter
  • Pinterest

Commenta