Noleggio auto, poche regole per sceglierlo al meglio!

Uno dei momenti più emozionanti è quello in cui la macchina della sposa fa capolino e raggiunge il luogo di celebrazione delle nozze. Nella coreografia del matrimonio anche la scelta dell’auto non va quindi sottovalutata e va fatta seguendo lo stile che si è voluto dare a tutto il  matrimonio. Se ad esempio avete deciso di sposarvi in un castello o in un posto molto chic, verrà certamente scelto una berlina (Mercedes, Bmw, Audi etc.) o una macchina di lusso (Jaguar, Ferrari, Rolls Royce, Maserati, Cadillac, Limousine, Bentley etc.) o un’auto d’epoca. Se avete optato per un ricevimento in agriturismo potrebbe essere simpatico arrivare con un maggiolone. In un matrimonio più originale, l’auto potrà essere sostituita da altri mezzi di locomozione: potrete scegliere di arrivare in carrozza, in mongolfiera, con una semplice lambretta oppure in risciò.

L’auto del matrimonio rappresenta simbolicamente il mezzo usato dagli sposi per intraprendere insieme un nuovo cammino. Questa accompagnerà la sposa e il padre dalla loro casa fino alla Chiesa. Successivamente condurrà gli sposi ad un eventuale servizio fotografico e  poi al ricevimento. Gli sposi prenderanno sempre posto sul sedile posteriore. Gli addobbi in macchina seguiranno lo stile e saranno composti dagli stessi fiori usati per l’addobbo in Chiesa, sempre in sintonia con il tema di nozze.

Cosa chiedere alla società noleggiatrice? È importante stabilire se il costo del preventivo prevede lo spostamento con autista per l’intera giornata (ovviamente andranno calcolati a priori i percorsi e le distanze, in modo particolare se si va fuori città). La benzina è normalmente a carico della società noleggiatrice. Assicuratevi inoltre che nel costo previsto sia compresa la tariffa per l’autista per l’intera giornata. Se si desidera un’ automobile particolare o un’auto d’epoca è bene fare la prenotazione anche sei mesi prima la data del matrimonio.8

Pinterest
Pinterest

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo!

  • Facebook
  • Twitter
  • Pinterest

Commenta